Campi Flegrei

Campi Flegrei
A nord-ovest della città di Napoli si trovano i Campi Flegrei, con questo nome si indica tutta un’area vulcanica che comprende i comuni di Bacoli, Monte di Procida, Pozzuoli, Quarto Flegreo e alcuni quartieri di Napoli. Il nome viene dal greco Phlegraios che significa “ardente”.
I Campi Flegrei sono una vecchia caldera quiescente di 12-15km di diametro che si affaccia sul golfo di Pozzuoli. Nel suo territorio sono presenti almeno 24 tra crateri ed edifici vulcanici. Ci sono dei laghi di origine vulcanica come il lago d’Averno e dei laghi nati per sbarramento: Fusaro, Miseno e Lucrino.
Difficili da enumerare sono i siti di grande valore archeologico comprendenti anche una serie di sorgenti idrotermali utilizzate dall’epoca dei romani. I terreni vulcanici hanno creato inoltre una campagna fertile la cui produzione più pregiata è rappresentata dal patrimonio di vitigni originari che non hanno subito innesti. Dal 2003 è stato istituito il Parco Regionale dei Campi Flegrei.