Percorso di trekking a Furore alla scoperta del famoso Fiordo

Il Fiordo di Furore è un percorso molto panoramico che conduce da Agerola al famoso fiordo. Questo è uno stretto e caratteristico vallone scavato dal corso del fiume Schiato. L’escursione segue le antiche scalinate che dalla montagna arrivano fino al mare. Un tempo queste erano le uniche vie di collegamento tra i villaggi della Costiera.

Partenza dalla piazza Avitabile nella frazione San Lazzaro di Agerola. Si prende via Miramare e giunti in prossimità del ristorante Leonardos si imboccano le scalinate adiacenti a questo indicate con i segni bianchi e rossi del CAI. Si prosegue in discesa fino ad un bivio sulla destra che conduce sempre con delle scale al villaggio di Tovere (frazione di Amalfi). Si attraversa il villaggio fino ad arrivare sulla statale 366 che porta da Agerola ad Amalfi. Qui seguire verso sinistra e dopo 300 metri imboccare delle scalinate sulla destra che portano ad un cappella nel comune di Conca dei Marini. Quindi si prende il sentiero dei “pipistrelli impazziti” sulla destra della cappella che porta alla piccola spiaggia del borgo marinaro del fiordo di Furore.

Dopo una piacevole sosta, volendo anche con un tuffo a mare, si riprende il cammino. Si seguono  delle scale in salita che si inerpicano tra le case del borgo marinaro fino ad arrivare in località Sant’Elia di Furore. Proseguendo sempre in salita si arriva in via li Summonti e si prende a destra per raggiungere la statale 366. Continuando per un breve tratto in discesa si giunge alla piazza principale di Furore. Da qui è possibile rientrare ad Agerola con bus della SITA.

Per chi volesse ancora camminare si continua in salita verso la chiesa di San Michele. Da qui ancora qualche rampa di scale e si imbocca il sentiero di “Abu Tabela”. Si attraversa nuovamente il vallone del fiume Schiato e si raggiunge la località San Lazzaro di Agerola, il punto di partenza.