Affronta con una guida escursionsitica il Sentiero ad anello sulla vetta dei Monti Lattari

Insieme ad una guida escursionistica professionale, segui le tracce di questo Sentiero per raggiungere la vetta del Monte Molare a 1444 m sul livello del mare. Il percorso è di difficoltà  media, con una  lunghezza di circa 16 km e un dislivello di 700 m. Si cammina lungo sentieri agevoli e sistemati, passando anche per il 300 CAI (Alta Via dei Monti Lattari), debitamente segnato.

Partenza da Via Locoli ad Agerola. Il primo tratto è lungo una antica via che prima del 1900 collegava Agerola ai paesi del Napoletano quando ancora non esistevano i due “trafori”. Salendo si raggiunge “Crocelle” e qui ci si immette sull’Alta Via dei Monti Lattari. L’itinerario si sviluppa attraverso le gole del Diavolo. La leggenda vuole che lucifero si rifugiasse tra queste ripide falesie, prima che fosse scacciato da San Michele. 

Superato questo tratto, si  scala un piccolo versante di montagna (Malo Passo) fino ad arrivare al bivio che a destra conduce al Monastero di S.Michele. Qui si svolta a sinistra e si segue per la Grotta dell’Acqua Santa, dove sgorga l’acqua della sorgente di San Michele.

Il sentiero continua fino ad un incrocio dove sono segnate le deviazioni per lo “Scalandrone”, da non imboccare. Questo è un tratto altamente pericoloso che collega brevemente Faito con Paipo. Si continua quindi con una breve serie di tornanti fino ad arrivare alla base del molare dove c’è la deviazione per la Croce della Conocchia. Prendere a sinistra e seguire le indicazioni per il Monte Molare. Di qui il sentiero conduce attraverso una ripida salita su pietra alla cima più alta dei Monti Lattari, il Molare.

Dopo una sosta, si riprende il cammino tornando indietro al bivio per la Croce della Conocchia. Qui si prende a sinistra, in direzione della stessa. Superata la croce e dopo aver cominciato la discesa su rocce si prende a sinistra. Si continua sul ripido sentiero che porta alla Caserma della Forestale. Dopo più di un’ora in discesa si arriva ad un bivio e si continua a sinistra in direzione di Agerola. Si passa prima sul Vallone Porte di Positano e poi sulla maestosa frana del Monte Catello.

Superata la frana si giunge a Capomuro dove si presenta un bivio. Se si continua a sinistra si segue il versante e ci si ricongiunge con il bivio di Crocelle al punto di partenza. Altrimenti dritto si arriva sul Monte Tre Calli per poi raggiungere la carrabile e terminare il percorso nella piazza Paolo Capasso di Bomerano.