0 km
0 ore
0 T-Turistico
0 metri
0 metri
La Baia di Jeranto è sicuramente uno dei luoghi più suggestivi presenti nella Penisola Sorrentina. Ubicata nel comune di Massa Lubrense fa parte dell‘Area Marina Protetta di Punta Campanella. La baia da fine ‘800 fino al 1952 era una cava per l’estrazione di pietra calcarea e in questo luogo, oggi gestito dal FAI,  si può ripercorrere un viaggio nel passato attraverso gli antichi monumenti industriali e attrezzi che erano utilizzati per estrarre il calcare da trasportare a Napoli per le Acciaierie.
La partenza è dalla piazzetta di Nerano (frazione di Massa Lubrense) dove, seguendo la strada che porta a Marina del Cantone, sulla destra si troverà l’imbocco del sentiero con un inizio leggermente in salita. Dopo poco ci si trova all’ingresso di una casa che fu abitata dallo scrittore inglese Norman Douglas che qui trovò ispirazione per il suo Sirenland: da qui è possibile ammirare la vista della spiaggia della Marina del Cantone con il suo mare blu cobalto. Il percorso prosegue in discesa attraversando tratti di macchia mediterranea mentre sulla destra si presentano all’escursionista le grandi pareti calcaree del Monte San Costanzo. Si arriverà ad un bivio dove scendendo sulla destra si camminerà su degli scaloni che arrivano fin giù alla Baia. Al bivio si sceglie adesso se proseguire verso la torre di Montalto o inoltrarsi per l’antica scala in gradoni che conduce fino alla spiaggia di Capitiello e godersi l’acqua cristallina con la splendida vista di Capri e i Faraglioni di fronte a sé. Per risalire si segue il tracciato che passa per la tenuta terriera del FAI con i suoi magnifici ulivi e un esempio di limoneto con la caratteristica copertura a “pagliarella”. Si arriverà quindi di nuovo al bivio all’ inizio degli scaloni dove proseguendo per la stessa strada dell’andata si ritornerà alla piazzetta di Nerano.
mappa-baia-di-ieranto-sorrento
Scarica la mappa